Video content marketing: 8 tipi di contenuto da utilizzare

I dati più recenti, secondo Cisco, confermano come, nel 2017, circa il 69% dei contenuti presenti in rete sarà costituito da video. Diventa dunque necessario per un brand o un’azienda ideare una strategia di video content marketing efficace, investendo risorse economiche e professionali in questo settore. Se il content marketing è il presente, il video content marketing rappresenta il futuro, non troppo lontano, nel quale tutti i marketer verranno ben presto catapultati e l’errore più grande è quello di non mostrarsi preparati a questa piccola rivoluzione.

[Tweet “Nel 2017 circa il 69% dei contenuti web sarà costituito da #video #videocontentmarketing”]

Secondo un’indagine Nielsen, il 64% dei marketer incentrerà le proprie strategie di marketing future proprio sui contenuti video e non si fa fatica a capire il perché di questa scelta: quando si tratta di reach potenziale, i video non hanno eguali. YouTube ha più di un miliardo di visitatori unici ogni mese, più di ogni altro canale, a parte Facebook. Se un’immagine vale più di mille parole, allora un video ne vale 1,8 milioni, secondi i ricercatori della Forrester. Se questa metafora non vi ha convinti del tutto, allora vi elenchiamo tre validi motivi per cui dovreste pensare di strutturare una valida strategia di video content marketing:

  • il pubblico è 10 volte più incline ad interagire con un contenuto video rispetto ad un articolo di blog o ad un post sui social;
  • utilizzando dei video nell’email marketing si raddoppia il CTR;
  • il tasso di conversione dei contenuti video è di gran lunga superiore a quello degli altri tipi di contenuto.

Avete quindi deciso di investire del budget nei video? Cerchiamo ora di capire come elaborare una strategia di video content marketing vincente, elencando 8 tipi di contenuti video da utilizzare, suddivisi sulla base dell’obiettivo da raggiungere.

Branding

  1. Brand storytelling

Il video è il contenuto ideale per fare del brand storytelling da diffondere sia sul sito che sui vostri canali social. Sia che stiate condividendo i vostri valori aziendali, le storia del brand o la sua mission, il video fa sì che il pubblico si immerga nella vostra storia, offrendo loro un’esperienza più ricca e piena di sfumature in confronto con qualunque altro mezzo.

  1. Video esplicativi

Quand’è stata l’ultima volta che avete visitato l’homepage di un sito senza trovare un video? Era il 2008. Mentre un tempo i video erano pensati solo per spiegare il complesso funzionamento di un prodotto o mostrare delle soluzioni, ora vengono ideati per fornire al pubblico una breve ma coinvolgente spiegazione delle propria value proposition, con l’obiettivo di presentarsi da subito al meglio. Il tutto in 2 minuti o anche meno.

TOFU (Top Of Funnel Users)

  1. Landing page personalizzate

Secondo i dati forniti da Unbounce, inserire un video all’interno di una landing page aumenta il numero delle conversioni fino all’80%.

  1. Video SEO

Utilizzate un video per evidenziare i passaggi chiave di un white paper e aumentare così la sua reach oltre al suo posizionamento all’interno dei motori di ricerca. I video SEO possono essere suddivisi in due tipologie:

  • Potete pensare di produrre un video e postarlo direttamente su YouTube per raggiungere la massima audience possibile e ottenere il maggior numero di visualizzazioni. In questo caso, il video ottiene posizionamenti elevati all’interno della query di ricerca (questo perché Google premia i contenuti di YouTube attribuendogli maggior visibilità). La call to action contenuta nel video cercherà di convogliare il traffico verso il white paper collocato sul vostro sito, ma così facendo rischierete che i vostri leads vengano distratti dagli altri video presenti su YouTube, piuttosto che seguire la vostra CTA.
  • Potete scegliere di inserire un video nel vostro sito: il video e il testo che lo accompagneranno aiuteranno la pagina web a scalare le posizioni all’interno del ranking di Google. Di conseguenza, gli utenti che sono giunti al vostro video saranno molto più inclini a rimanere sul vostro sito, piuttosto che ad andarsene.

videocontentmarketing1

MOFU (Middle Of Funnel Users)

  1. Contenuti educational

Che sia un ebook o una guida pratica, elaborare un contenuto di tipo educational che mostri la propri thought leadership in un determinato settore, è l’ABC del content marketing. Ma perché non pensare al formato video per questo scopo? L’audience vivrà un’esperienza più gradevole e meno impegnativa rispetto alla lettura di un white paper di 50 pagine, e allo stesso tempo breve, ma interessante. Video di questo tipo possono essere postati sul proprio blog, archiviati in sezioni riservate a risorse scaricabili o fungere da “trailer” che rimandi ad un altro contenuto.

  1. Email

Sì, in una strategia di video content marketing occorre pensare anche alle email, uno degli strumenti più utilizzati da ognuno quotidianamente per comunicare con i clienti o i prospect. Secondo una ricerca condotta da Brainshark, includere dei video nelle email aumenterebbe del 20% il tasso di apertura, così come inciderebbe positivamente sul CTR.

BOFU (Bottom Of Funnel Users)

  1. Chi siamo

Erroneamente si tende a pensare che per i clienti collocati a questo punto del funnel, siano necessarie attività di marketing che mettano in evidenza le caratteristiche del proprio prodotto/servizio offerto, il prezzo, ecc. Tuttavia, in questa fase, i clienti sanno già abbastanza sul “quanto” e “come”; quello che non conoscono e che spesso fa la differenza è il “chi”. Se due brand offrono lo stesso livello di qualità e prezzo, ciò che potrebbe fare la differenza- e consentire quindi di conquistare la fiducia del cliente- è la presenza di un video che metta in evidenza i propri valori aziendali: ci state mettendo la faccia, è questo ciò che conta.

[Tweet “Se un’immagine vale più di mille parole, allora un #video ne vale 1,8 milioni”]

  1. Promozioni

State facendo delle promozioni per cercare di trasformare i vostri leads in clienti? Dovete considerare che un utente medio riceve in media 10 promozioni al giorno per email. La vostra rischia di cadere in questo calderone e non performare come dovrebbe. La soluzione? Utilizzare un video che aumenti il tasso di apertura; inoltre l’esperienza di visione fornita dalla musica, dai suoni, dalla voce, riuscirà a trasmettere al cliente il senso di unicità della vostra promo

Avete bisogno di altre idee per arricchire il vostro piano di content marketing? Qui c’è quello che fa al caso vostro!