Social Content Marketing: quali canali per la tua strategia?

Quando parliamo di content marketing abbiamo a che fare – per lo più, ma non solo – con una strategia di comunicazione incentrata sulla content creation, ovvero l’attività di creazione di contenuti di varia natura. Questi contenuti – immagini, video, testo, infografiche, ecc. – non possono non essere realizzare e rese pubbliche esclusivamente sul proprio sito web, ma devono necessariamente fare i conti anche con i social media. Non è un caso, infatti, che secondo i dati del Content Marketing Institute i social media sono gli strumenti maggiormente utilizzati da chi fa content marketing, con percentuali di utilizzo superiori al 93%.

La classifica del social content marketing vede Linkedin in testa come canale più utilizzato. Il social professionale per eccellenza si attesta addirittura sopra la media, con una percentuale di utilizzo per la distribuzione dei contenuti prodotti superiore al 94%. A seguire Twitter (87%) e Facebook (84%).

[Tweet “I #SocialMedia sono gli strumenti più utilizzati da chi fa #ContentMarketing: @Linkedin primo su tutti.”]

Bisogna però precisare che i social media, per loro natura, non vanno considerati come strumenti di comunicazione broadcast per la mera diffusione dei contenuti. La conversazione è e deve restare il focus centrale del loro impiego. A cosa serve proporre un articolo di blog su Facebook se poi non permettiamo ai lettori di discuterne creando una dialogo intorno all’argomento trattato? A cosa serve il social content marketing se poi noi stessi non siamo presenti e intenzionati a partecipare alla discussione?

Social media vs content marketing

I social media e il content marketing, però, non vanno sovrapposti e intesi come un tutt’uno. È vero, possono essere integrati in ottica di social content marketing, ma di fatto stiamo parlando di due mondi totalmente differenti.

social-media-content-marketing

I social media ruotano intorno ai social network, ovvero le reti sociali in cui ogni utente rappresenta un nodo della rete. La produzione dei contenuti nativi in questo caso verte intorno alle aspettative dell’audience di riferimento ed è a questa che il brand si rivolge per stimolare la conversazione. Al contrario, una strategia di content marketing non può prescindere dalla presenza di un sito web, poiché è in questo luogo che trovano spazio i contenuti prodotti; è qui che gli utenti arrivano per fruirne; è qui che il brand in questione può esprimere appieno i suoi valori nel modo che meglio rappresenta la sua identità, modellando forma e contenuto a sua immagine.

È emblematica in tal senso la distinzione che fa Jay Baer: «gli obiettivi del content marketing sono il consumo e poi il comportamento; gli obiettivi dei social media sono la partecipazione, poi il comportamento. I social media sono i nuovi telefoni; il content marketing le nuove brochure».

[Tweet “«I #SocialMedia sono i nuovi telefoni; il #ContentMarketing: le nuove brochure» @jaybaer”]

In ottica di social content marketing questi due mondi non possono che toccarsi, ma di fatto non fondersi. Sui social media l’utente troverà un post (tweet, pin, status, ecc.) il quale funge meramente da tramite, da porta d’accesso al sito web. Certo, c’è da dire per precisione che questa prospettiva sta timidamente mutando attraverso l’introduzione di feature specificatamente dedicate agli editori (leggi Instant Articles di Facebook, ndr), le quali tendono a rendere fruibili i contenuti all’utente, pur mantenendo questo all’interno di quel walled garden tipico delle piattaforme di social networking.

Parlando di social content marketing…

Detto questo, possiamo individuare una serie di prassi e best practices sempre valide: ecco 15 suggerimenti da considerare in ottica di social content marketing.

  • Prendi sempre in considerazione le esigenze della tua target audience.
  • ► Analizza, prima di agire, come le personas rappresentative della tua target audience utilizzano i diversi social media.
  • Prima di metterla in pratica, studia la tua strategia di social content marketing, testa canali e tools.
  • ► Stabilisci obiettivi a breve, medio e lungo termine, definendo attraverso quali KPI saranno valutati i risultati.
  • ► Definisci processi di produzione, distribuzione e promozione dei contenuti via social media.
  • In ottica di comunicazione social integrata, utilizza la tua presenza social in modo che possa autoalimentarsi, realizzando contenuti convergenti tra i diversi canali.
  • Integra sempre i social media nella tua strategia di content marketing sfruttando le peculiarità delle singole piattaforme.
  • ► Ottimizza il tuo calendario editoriale in base ai comportamenti della tua target audience suoi social media.
  • Integra la tua strategia di social content marketing con piattaforme di marketing automation.
  • Vai oltre la mera condivisione dei contenuti.
  • ► Non limitarti a partecipare alla discussione, creala.
  • Utilizza un tone of voice e uno stile comunicativo in linea con la tua brand voice.
  • ► Integra i social media con il tuo sito web, ma integra anche il tuo sito web con i social media permettendo agli utenti di interagire e commentare i contenuti che produci.
  • ► Monitora i feedback dei tuoi utenti.
  • ► Analizza i risultati e ottimizza l’intero processo