San Valentino 2015: l’amore trionfa… anche tra i brand!

San Valentino è sempre un’occasione d’oro per i brand: da quelli più vicini al fenomeno, come potrebbe essere la Perugina (che invece ha optato per una campagna più tradizionale e, soprattutto, molto distaccata dagli attuali trend del digital marketing), ma anche per tutte quelle società che hanno ben poco a che fare con questa ricorrenza.

Non si tratta solo di celebrare la festa, di investire aspettando un rientro economico adeguato; ma piuttosto di creare esperienze emozionanti intorno al brand (nel senso pieno del termine, ovvero generare emozioni) creando un’aura percettiva diversa sul brand stesso.

E non è certo stato un rientro economico, né tantomeno un effetto di brand recall (date le ben note peculiarità del settore automotive) a spingere Ford Italia a realizzare la campagna Ford per #SanValentino in cui ha colto l’occasione per fare pace con i suoi più grandi competitor.

Grande idea, ottima realizzazione grafica ed editoriale. Lo dimostrano le diverse fonti, giornalistiche e non, che ne hanno parlato; lo dimostrano le risposte degli stessi competitor (complice per qualcuno di loro – leggi Land Rover – l’affidarsi alla stessa agenzia di digital marketing).

Un altro esempio che ci è piaciuto molto è stato #BestWingmanEver, la campagna di Old Spice India che mette d’accordo tutti grazie ai suoi… deodoranti. Le due squadre di Manchester, Samsung e iPhone, Coca Cola e Pepsi e persino Playstation e Xbox: tutti riappacificati sotto l’hashtag #BestWingmanEver.

Ultimo esempio sicuramente degno di nota è decisamente… anti San Valentino. Parliamo di #ShredYourEx, letteralmente tagliuzza il tuo o la tua ex, un’iniziativa tutta social-oriented di McKinney, agenzia di digital marketing a stelle e strisce, realizzata grazie al programma Ten Percent, un progetto molto in voga negli USA che incoraggia i dipendenti delle grandi società ad utilizzare il 10% del loro tempo in progetti alternativi.

Dal 10 al 14 febbraio 2015 era possibile inviare le foto del o della propria ex via Twitter o Instagram, andare sul sito shredyourex.tv e… vederle mentre venivano fatte a brandelli da un trita carta. Il risultato? Non si hanno numeri precisi, ma la regola dell’inviare al massimo una foto ogni 24h imposta da McKinney dopo qualche ora dal lancio la dice lunga.