content-marketing-amazon

Fare content marketing su Amazon

Una lotta tra titani

Quanto è importante conoscere questa piattaforma per iniziare a vendere su Amazon? Molto. Soltanto pochi giorni fa, Amazon è riuscita a chiudere una storica giornata a Wall Street superando per la prima volta il valore di mercato di Microsoft.

Non stupisce che osservatori e analisti abbiano iniziato a guardare l’e-commerce più grande del mondo in termini di profitto come una potente piattaforma di marketing e content

Revenue Amazon 2004-2017

Amazon vince il confronto con i motori di ricerca

Una delle caratteristiche che hanno reso questa piattaforma sempre più allettante agli occhi dei brand che vogliono vendere su Amazon (e quindi anche dei consumatori) è il fatto che centinaia di milioni di utenti utilizzano Amazon per iniziare la ricerca su un prodotto prima di acquistarlo.

Al contrario di altri player come Google e Facebook, la raccolta pubblicitaria di Amazon può essere distribuita sia all’inizio che alla fine di un classico funnel di vendita. Gli utenti possono quindi passare in pochissimi clic dalla ricerca di informazioni all’acquisto.

Secondo un sondaggio condotto da Raymond James, gruppo di servizi finanziari:

▶ la percentuale di utenti intenzionati ad un acquisto online che inizia a navigare direttamente su Amazon è cresciuta del 14% in due anni, passando da un valore di 38% a dicembre 2014 ad uno di 52% a dicembre 2016. Questo implica che più della metà degli utenti che hanno intenzione di fare shopping online iniziano il loro percorso di navigazione su Amazon senza nemmeno passare da Google.

▶ soltanto il 26% degli utenti intervistati inizia la navigazione su Google, percentuale dimezzata rispetto alla stessa rilevazione di soli 2 anni prima, quando era del 55% (Dicembre 2014 – Dicembre 2016).

Confronto Amazon vs Google

Ci si potrebbe aspettare che questo trend sia destinato a continuare dato che soprattutto per la fascia di età 18-29, Amazon è il punto di partenza favorito prima di effettuare un acquisto online. Il 62% di loro inizia a navigare direttamente su Amazon mentre soltanto il 21% utilizza come base di partenza un motore di ricerca.

Ma quali sono gli strumenti messi a disposizione da chi vuole vendere su Amazon? Come iniziare a costruire la propria marketing strategy per Amazon?

Cura il tuo contenuto su Amazon

Brand Stores

Amazon ha sviluppato le pagine brand store volendo ricreare la sensazione di essere in un negozio.

È possibile mostrare contenuti multimediali relativi ai prodotti in vendita e organizzare in modo accattivante la pagina di riferimento del proprio brand. Si può anche lavorare su brand awareness e incrementare il traffico grazie ai plugin social che permettono condivisioni facili e immediate.

Questo ad esempio è il risultato del brand store Samsung: una combinazione di schede di approfondimento, griglia prodotti, video e un set interamente dedicato al social sharing.

Samsung Brand Store

Brand-building

Tutti gli strumenti menzionati finora sono utili ai fini di una migliore definizione del proprio brand: immagini curatissime, file multimediali, contenuti di approfondimento e informazioni utili per i propri acquirenti.

Resta però importante costruire in modo strategico anche i propri annunci sponsorizzati (ads).

Vendere su Amazon prodotti correlati

Gli utenti sono solitamente inclini a navigare per related o correlati, ma come comparire nei related di un prodotto Amazon?

È fondamentale conoscere e utilizzare Amazon Marketing Services (AMS), un pacchetto di strumenti sempre più flessibile che permette di mostrare il proprio annuncio alla persona giusta, nel momento giusto. Si possono targettizzare parole chiave, prodotti simili al proprio o a quello di competitor oppure anche interessi degli utenti che si vogliono coinvolgere.

Guida ai servizi Marketing Amazon

Per fare in modo che le proprie campagne siano al sicuro e pronte a partire:

▶ Cura al massimo i tuoi copy: le porzioni di testo scritte tutte in maiuscolo o tutte in minuscolo vengono segnalate (tranne che nei nomi propri di brand naturalmente);

▶ Aggiungi creatività nei contenuti che produci;

▶ Sii forte e deciso e usa CTA chiare ed immediate;

▶ Non esagerare: non utilizzare affermazioni non verificabili se non aggiungi anche una fonte, magari nella landing page associata all’ad.

Amazon Echo by Alexa

Al di là degli strumenti più “tradizionali” messi a disposizione da Amazon, il contenuto del proprio brand può anche essere distribuito tramite canali emergenti e in fortissima crescita.

Impossibile non iniziare dalla linea di prodotti Echo a controllo vocale tramite tecnologia Alexa:

Non sarà un caso se alcuni tra i guru mondiali del marketing, come Neil Patel ed Eric Siu abbiano deciso di sfruttare Alexa per proporre una sorta di mini-podcast con consigli e suggerimenti di marketing.

Un altro esempio può essere “Ask Purina” il servizio che permette di dialogare con Purina e trovare una risposta ai dubbi più comuni di chi possiede un amico a 4 zampe:

Ask Purina

Want dog breed info? Enable the Ask Purina skill on your Amazon Alexa device. #AskAlexa Puri.na/AskPurina

Pubblicato da Petcentric by Purina su martedì 15 novembre 2016

È sufficiente considerare che le “skills” di Alexa, cioè le app gestite da comandi vocali, sono ormai 25 mila nel mondo, incluse quelle con contenuti premium, lanciate a Dicembre 2017 per la felicità degli sviluppatori.

Secondo un articolo Skyword sulla crescita delle ricerche vocali che riporta dati Technavio, il mercato del riconoscimento vocale sarà di 601 milioni di dollari per il 2019.

C’è ancora bisogno di chiedersi se valga davvero la pena avere una content marketing strategy dedicata ad Amazon?