F8: arrivano i Facebook Messenger Bots

F8: arrivano i Facebook Messenger Bots

L’annuncio era nell’aria già da qualche giorno, ma ora è ufficiale: su Facebook Messenger arrivano i Bots, strumenti attraverso i quali i gestori delle pagine Facebook potranno interagire in modo automatizzato e immediato con gli utenti. Insomma una feature che comprime all’estremo il tempo di reazione dei brand nei confronti della propria audience che può quindi usufruire di un servizio di assistenza immediato e personalizzato.

Per funzionare i Facebook Messenger Bots avranno bisogno del supporto di una pagina Facebook, preesistente o creata appositamente, e del lavoro di uno sviluppatore in grado di lavorare sulle API di Facebook per l’impostazione iniziale e la manutenzione dello stesso, soprattutto nel caso della presenza social di un sito e-commerce il cui database in costante evoluzione.

Facebook Messenger Bots

L’obiettivo di Facebook è semplice: far diventare la piattaforma di Messenger l’hub di riferimento per la conversazione in real time tra utenti e tra utenti e pagine, dando a queste l’opportunità di dialogare con gli utenti in modo più semplice e veloce, anche senza il supporto di una persona fisicamente impegnata nell’attività di gestione. Tutto questo creando un’esperienza quanto più personalizzata sul singolo utente in base alle sue esigenze, alle sue caratteristiche, alla sua posizione e così via.

Prova i Facebook Messenger Bots con Poncho, il gatto-meteorologo di Messenger.

Le altre novità dal F8 di Facebook

Tra le altre novità del F8, il principale evento di Facebook dedicato agli sviluppatori, ci sono anche:

Live API: ovvero le API di riferimento di Facebook Live, il servizio di streaming in real time ora aperto a tutti e che sta letteralmente spopolando tanto tra i comuni mortali, quanto soprattutto tra i personaggi pubblici e i siti di informazione.

Facebook Surround 360: una videocamera 3D in grado di registrare immagini – neanche a dirlo – a 360 gradi. L’accessorio prodotto da Facebook è in grado di registrare in 3D nativo grazie alla presenza di 17 obiettivi.

Profile Expression Kit: Facebook prosegue nella direzione di offrire anche agli utenti normali la possibilità di impostare la propria immagine profilo attraverso l’uso di video o gif. Per il momento la closed-beta tramite servizi di terze parti è limitata a un numero ridotto di utenti e supporta 6 app: Boomerang di Instagram, Lollicam, BeautyPlus, Cinemagraph Pro, Lollicam, MSQRD e Vine.

Free Basics Simulator & Demographic Insights: gli sviluppatori hanno ora a disposizione un nuovo tool per la personalizzazione dei servizi offerti dal progetto Internet.org, sia dal punto di vista dello sviluppo che dell’analisi del target attraverso approfondimenti di carattere socio-demografico.

Account kit: il social login ha un nuovo compagno di banco. Facebook, oltre al sempre presente login via Facebook, permette ora di effettuare il login semplicemente utilizzando il numero di telefono o il proprio indirizzo email e senza l’utilizzo di password (ma chiaramente con un codice di verifica inviato nel momento del login).

Facebook Analytics: aggiornamento di primaria importanza dato che il tool di App Analytics di Facebook oggi è utilizzato da oltre 450 mila app in tutto il mondo. Tra le nuove feature c’è la possibilità di avere info aggiuntive sulla propria audience e monitorare le notifiche push.

Quote Sharing: quanto ci piace leggere o scrivere citazioni su Facebook? Tanto, e il caro Zuckerberg lo sa bene. Facebook lancerà a breve un nuovo tipo di contenuto proprio basato sulle citazioni e, a quanto si legge nel comunicato ufficiale, un sistema per ricercarle all’interno del web.

Save Button: funzione dal nome decisamente esplicativa, Save Button assolverà la funzione del “lo leggo dopo”. Al team di Pocket saranno fischiate le orecchie?