Digital in 2017: il report di We Are Social e Hootsuite

Feb 1
report-wearesocial-hootsuite-2

Le stagioni si alternano, gli anni passano, ma c’è una sola certezza nella vita di un social media manager e di chi, come lui, ha a che fare con il digital marketing: il report di We Are Social e Hootsuite che scatta, ogni anno, una fotografia puntuale della situazione digital nel mondo e nei singoli paesi. Una manna dal cielo per tutti gli esperti di marketing che attendono questo report come una grande raccolta di dati e contenuti di qualità.

Andiamo ad analizzare più da vicino il report di We Are Social e Hootsuite per scoprire la situazione digital a livello globale e nazionale.

Uno sguardo sul mondo

Leggendo rapidamente i dati raccolti, non siamo sorpresi nel vedere come alcune previsioni e trend nel mondo digital siano diventati finalmente realtà: una su tutte il dominio dello smartphone e del mondo mobile in generale, che sta cambiando profondamente il rapporto con l’eCommerce.

Sinteticamente:

  • gli utenti connessi ad internet sono aumentati del +10% rispetto allo scorso anno, raggiungendo quota 3,77 miliardi di utenti, con una penetrazione del 50% sulla popolazione mondiale.
  • Gli utenti mobile sono 4,92 miliardi, con una penetrazione del 66%.
  • Il 37% della popolazione mondiale utilizza i social media e il 34% di esso lo fa tramite dispositivi mobile.
  • Più della metà delle connessioni mobile avviene su banda larga.

report-wearesocial-hootsuite

Cosa dobbiamo aspettarci per il 2017? Secondo il report di We Are Social e Hootsuite, la search svolgerà sempre un ruolo chiave nell’aiutare i consumatori a ricercare e a valutare i prodotti e i servizi, ma i social iniziano ad acquistare terreno soprattutto tra i consumatori più giovani, durante la fase di scoperta dei prodotti.

Lo shopping si sposta anche sui social: Instagram e Pinterest sono le piattaforme che più si prestano ad ospitare il social commerce, che rappresenta ormai un’evoluzione quasi naturale del comportamento del consumatore online.

Video e social advertising formeranno la combo perfetta: il prossimo passo sarà quello di fondere tra loro il potere emotivo dei social video con la portata e l’ampiezza raggiunta dalla social advertising.

Dal punto di vista delle aziende, queste ultime investiranno sempre più nel social selling, nel formare il proprio personale con competenze e skill digital adeguate e nel trasformare i dipendenti nei primi brand advocate.

Il panorama tricolore

La situazione digital a livello globale è delle migliori, ma come ce la passiamo noi italiani? Il report di We Are Social e Hootsuite ci offre un paragone con lo scorso anno:

report-wearesocial-hootsuite-1

Cosa emerge da questi dati:

  • gli italiani si connettono di più e, in particolare, gli utenti internet sono aumentati del 4% in un anno, raggiungendo quota 39 milioni di persone (66% della popolazione).
  • Gli utenti attivi sui social sono aumentati dell’11% rispetto al 2015.
  • Gli utenti unici mobile sono aumentati di 570.000.
  • Gli utenti social attivi su mobile sono 4 milioni in più rispetto al 2015.

Per quanto riguarda le modalità e i tempi di fruizione, l’86% degli italiani accede ad internet ogni giorno e lo fa principalmente da laptop (63%): tuttavia, nell’ultimo anno, la percentuale di persone che naviga dal computer è scesa del -14%, a favore invece di una crescita del +44% di coloro che si connettono dai device mobili, in linea dunque, con il trend mondiale.

Ma quali sono i social media preferiti dagli italiani secondo i dati raccolti nel report di We Are Social e Hootsuite? Facebook rimane sempre il leader indiscusso, scelto da ben il 55% della popolazione, ma c’è anche tanta fruizione di video online, in particolare da YouTube. Il 31% degli italiani ha dichiarato di guardare video online almeno una volta al giorno, tenendo conto del fatto che le piattaforme che ospitano questo tipo di contenuti aumentano considerevolmente.

In conclusione, per quanto riguarda il nostro paese possiamo affermare che è sempre più digitalizzato; gli italiani preferiscono fruire dei contenuti in mobilità e il 52% accede mensilmente alle piattaforme social (contro il 37% della media globale). Facebook viene controllato ogni giorno dal 74% dei suoi utilizzatori (contro il 55% della media globale): rispetto agli altri paesi, dunque, in Italia si utilizza un varietà più ristretta di piattaforme social (YouTube, Facebook e Instagram nelle prime tre posizioni), ma vi si accede più frequentemente.

Vuoi consultare tutto il report dedicato all’Italia? Clicca qui.

 

Alexandra Frigieri

Alexandra Frigieri

Analyst e content editor at Polk&Union
Laureata in Comunicazione digitale alla Sapienza di Roma, ha lavorato come social media specialist. In Polk&Union è marketing assistant, associate editor e analista responsabile dell'area web intelligence.
Alexandra Frigieri